Spazio Libero

La verità è sempre la correzione di un errore, e quindi l'errore fa parte della verità. (Giuseppe Prezzolini, 1980)

Archive for settembre 2009

Cui prodest?

Posted by Marco su 26 settembre, 2009

Qualche anno fa vedere in tv le esequie di Stato per i soldati morti in guerra mi commuoveva. Trovavo giusto onorare la memoria dei caduti, abbracciare le vedove e avvolgere le bare nel tricolore. I libri, i film e le medaglie del nonno ci hanno da sempre abituato a considerare la guerra un’arte nobile e una pratica inevitabile. Uno scotto da pagare per la libertà e il benessere. Poi si cresce e nascono i dubbi sul senso della guerra o delle cosiddette ‘missioni di pace’. L’Italia non ha dichiarato guerra a nessuno e non deve guardarsi da nessuna minaccia diretta, eppure i nostri soldati continuano a morire in territori di guerra, e lo Stato continua a spendere soldi pubblici per sostenere l’industria delle armi e finanziare le sue missioni.

Dal sito del Ministero della Difesa si legge che dal 1 gennaio 2008 fino al 31 ottobre 2009 lo Stato ha destinato più di 800 milioni di euro per le missioni ISAF e EUPOL AFGHANISTAN, operazioni di sostegno al governo ed alla polizia afgane. Un sostegno che in realtà non ci è stato mai chiesto, ma che noi offriamo lo stesso. Ovviamente a spese dei contribuenti, che vengono quotidianamente rabboniti con la retorica guerrafondaia mascherata da volontariato internazionale, una retorica tanto forte quanto falsa e dannosa. Da quando quelle stramaledette torri sono crollate, i grandi media non hanno fatto altro che diffondere l’idea che fosse giusto invadere l’Afghanistan per liberare i cittadini dalla minaccia talebana, per aiutare le donne islamiche ad emanciparsi o semplicemente catturare il grande terrorista Bin Laden. Dopo otto anni di guerra, nessuno di questi risultati è stato raggiunto. I Talebani continuano a padroneggiare, il commercio dell’oppio è più fiorente che mai, Bin Laden non ancora si trova, e per giunta migliaia di innocenti civili afgani sono caduti, e continuano a cadere, sotto i colpi dei caccia militari americani e della NATO. Sangue e instabilità sociale sono gli unici risultati realmente apprezzabili che oggi si possono ammirare in Afghanistan e in Iraq, due stati illegittimamente occupati dagli eserciti occidentali in nome della lotta al terrorismo. Ma anche due stati di straordinaria importanza dal punto di vista strategico. E allora la domanda è scontata. Perchè tutto questo? Cui prodest? Perchè lo Stato italiano si ostina a spendere centinaia di milioni di euro per sostenere guerre ingiuste, mentre si tagliano fondi alla scuola lasciando senza futuro migliaia di giovani precari e le piccole imprese elemosinano soldi alle banche per tirare a campare? Forse nel mirino dei signori della guerra non c’è soltanto la stabilità sociale dei paesi occupati, ma anche quella dei paesi che la guerra la finanziano.

La guerra o le missioni di pace sono come un vecchio giocattolo nelle mani della propaganda mediatica. Giovani meridionali che si arruolano perchè l’Esercito paga bene e c’hanno famiglia. Se poi cadono in disgrazia le televisioni indugiano sul bambino col basco per strappare la lacrimuccia e lo Stato li celebra come eroi della Patria, come se esistessero ancora valori nazionali in cui credere, che non siano quelli del profitto e del potere. Tutto ciò è disgustoso e diseducativo, perchè il bambino col basco da grande si arruolerà per vendicare il padre, senza preoccuparsi delle ragioni della guerra.

Pubblico la traduzione di un articolo apparso sul magazine inglese New Statesman e scritto da John Pilger, giornalista australiano e video-documentarista riconosciuto a livello internazionale.

La miglior reazione alle morti in guerra è la giusta informazione, non lacrime ipocrite.

PER MOLTI INGLESI, IL GIOCO DEI PARTITI E’ FINITO

di John Pilger

Nel giorno in cui Gordon Brown pronuncia il suo ‘massimo discorso politico’ sull’Afghanistan, ripetendo il suo surreale dogma in base al quale, se l’esercito britannico non combattese i cavernicoli Pashtun nella loro terra, dovrebbe combatterli qui da noi, la puzza di carne bruciata si diffonde lungo le rive del fiume Kunduz. Gli aerei da combattimento della NATO hanno fatto a pezzi i più poveri tra i poveri. Erano afgani che si precipitavano a prelevare carburante da due autobotti in stallo nel fiume. Molti di loro erano solo bambini che trasportavano secchi d’acqua e utensili da cucina. ‘Almeno’ 90 di loro sono rimasti uccisi, nonostante la NATO preferisca non contare i suoi nemici civili. “Sembrava l’inferno”, racconta Mohammed Daud, un testimone. “Mani, gambe e brandelli umani erano sparsi dappertutto”. Ma non c’è stata nessuna parata per loro in Wiltshire Street.

Ho visto qualcosa di simile nel sud-est asiatico. Una bomba incendiaria aveva raso al suolo più di un villaggio di paglia, e resti umani carbonizzati venivano appesi alle reti da pesca. Quelli ancora integri ma anneriti venivano distesi sulle reti, come grandi ragni neri. Non credevo che per comprendere il crimine fosse necessario esserne testimone. La questione morale è un problema per tutti, ma non per l’uomo moralmente corrotto e potente.

Subito dopo l’ennesima dimostrazione di quanto sia inopportuna la presenza delle truppe occidentali in Afghanistan, frutto di un piano ordito lontano da quel povero paese sofferente, Brown “autorizzava” nel luogo dell’attacco Nato un salvataggio in stile Rambo di Stephen Farrel, giornalista di nazionalità inglese e irlandese. Ma è stata un’impresa finita male. A rimetterci la vita sono stati un soldato inglese e la guida di Farrell, un giornalista afgano di nome Sultan Munadi, che, al contrario del giornalista, è stato abbandonato sul campo e poi ucciso. La famiglia di Munadi adesso ha imparato che una vita inglese vale di più di una afgana.

Durante i massacri della Grande Guerra, il Primo Ministro Lloyd George riferì: “Se la gente davvero sapesse [la verità], la guerra finirebbe domani. Ma naturalmente nessuno sa, e nessuno è in grado di sapere”. E’ vero allora che i cadaveri di un secolo fa non sono serviti a nulla se ancora oggi persone come Gordon Brown negano i loro bugiardi sotterfugi? La guerra in Afghanistan è una frode. Tutto è iniziato come una vendetta privata dell’America per gli attacchi dell’11 settembre 2001,  nei quali non un solo afgano fu coinvolto. Prima di allora, i Talebani, che sono afgani, non avevano alcun contrasto con gli americani, anzi, trattavano in segreto con l’amministrazione Clinton per un oleodotto di importanza strategica. Essi avrebbero acconsentito all’arresto di Osama Bin Laden ed al suo processo, ma la proposta fu rifiutata.

L’instaurazione di una presenza permanente USA/NATO all’interno di una regione ricca di risorse e di importanza strategica è la ragione principale della guerra. L’esercito inglese è in Afghanistan per volere di Washington. L’idea di prevenire l’attacco dei Talebani alle nostre città ricorda da vicino le parole di Lyndon B. Johnson quando disse: “Dobbiamo fermare i comunisti in Vietnam o ci ritroveremo presto a combatterli in California”.

Ma c’è una differenza. Rifiutando di ritirare le truppe, Brown rischia di scatenare una rivolta tra i musulmani inglesi che vedono la guerra come una crociata occidentale; e il sentiero imbroccato di recente dalla Corte della Corona lo spiega chiaramente. Così come gli è stato confermato dai servizi segreti e per la sicurezza della Corona inglese. E lo stesso è stato dichiarato pubblicamente dal consigliere per la sicurezza personale di Gordon Brown. Analogamente a Tony Blair per le bombe del 7 luglio 2007, ormai è solo di Brown la responsabilità della violenza e del dolore provocato alla sua gente.

Più delle spese eccessive dei suoi parlamentari, è proprio questa corruzione e banalizzazione della vita e della morte che caratterizza meglio il ‘modernizzato’ Partito Laburista, o il partito della guerra criminale. I delegati che stanno preparando le celebrazioni annuali del partito a Brighton lo capiranno? E’ comunque già abbastanza significativo che la maggior parte dei parlamentari del partito non si sia mai pronunciata sullo spargimento di sangue di Blair in Iraq mentre non esitarono a tributargli una standing ovation quando se ne andò. Solo una timida mozione della ‘gente comune’ potrebbe essere accolta. Questa afferma che “la maggioranza del popolo ritiene che la guerra in Afghanistan sia impossibile da vincere”. Non c’è in essa alcuna indicazione che la guerra sia sbagliata, immorale o basata su bugie analoghe a quelle che hanno giustificato l’uccisione di milioni di iracheni, “evento che ha prodotto più vittime del genocidio ruandese”, secondo una stima scientifica.

Questo è il principale motivo per cui il gioco dei politici è finito per molti inglesi, specie i giovani. Nel 2005, un sistema asservito ha permesso a Blair di vincere le elezioni con meno voti popolari rispetto alla catastrofica tornata elettorale dei Tory nel 1997. Il principale risultato del Nuovo Partito Laburista è la più bassa affluenza alle urne registrata dall’introduzione del suffragio universale. Oggi gli elettori vedono Brown regalare miliardi di sterline di denaro pubblico alle banche-casinò senza chiedere nulla in cambio,  dopo aver riconosciuto le loro pratiche come un esempio ‘per l’intera economia mondiale’. In occasione del recente G20 tenutosi a Londra, Brown si è distinto per essersi opposto, e aver cassato, una modesta proposta franco-tedesca per porre un limite ai bonus e alle sanzioni per le imprese che falliscono. Il gap tra i ricchi e i poveri in Gran Bretagna è oggi il più ampio dal 1968.

Gli effetti della politica del Nuovo Partito Laburista vanno dalla perdita del lavoro, dell’istruzione e della speranza per un giovane su cinque ai 12 milioni di sterline che Blair guadagna in un anno, “consigliando” i ricchi (dopo l’abbandono della carica di premier inglese Blair è stato consulente della JP Morgan, nda) e tenendo conferenze da 157 mila sterline. Tra i più radicali nelle fila dei consiglieri e cortigiani delle amministrazioni Brown e Blair, come Peter Mandelson, che ha avuto la sfortuna di lavorare con entrambi i premier, è forte la convinzione che il più importante traguardo raggiunto dal New Labour è quello di posizionarsi alla destra dei Tories, sebbene sia più corretto affermare che i due partiti maggiori sostengano le stesse posizioni, ad esempio minacciando tagli ai servizi pubblici per foraggiare le banche e i signori dell’oppio di Kabul. Senza contare i miliardi di tagli per finanziare la costruzione dei sommergibili nucleari Trident progettati per la vecchia guerra fredda.

Il gioco è finito. Il corporativismo e un militarismo rinvigorito si sono finalmente impadroniti della democrazia parlamentare realizzando uno storico cambiamento. Per gli afgani esplosi in mille pezzi nel nostro nome, la sola codarda mozione presentata durante la conferenza dei Labour è ormai tardiva.  Ma almeno la componente popolare del partito potrebbe chiedersi perchè.

Posted in Politica e Informazione | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Non è il virus il pericolo maggiore, ma il vaccino

Posted by Marco su 18 settembre, 2009

Nell’ultimo post, tra le altre cose, ho parlato del virus A/H1N1 e del rischio, sempre più concreto, che ci troviamo di fronte ad una grande montatura mediatica architettata da uomini senza scrupoli che progettano oscure strategie di potere alle spalle e ai danni dell’umanità. L’assenza in tv e sulla carta stampata di approfondimenti sull’argomento è una chiara dimostrazione di quanto complice, asservito o semplicemente carente sia il nostro sistema mediatico. Non possiamo non porci delle domande davanti alle notizie sempre più inverosibili che giungono dagli organi di informazione. Tra poco dovrebbero iniziare le vaccinazioni disposte dal ministero della Sanità, ma nessuno ci ha ancora spiegato cosa contiene il vaccino, quali sono gli effetti collaterali che può causare e, soprattutto, se la nuova influenza A è davvero così pericolosa. Allo stato attuale non esistono ancora dati ufficiali sul contagio. In Italia c’è stato un solo presunto caso di decesso a causa del virus A/H1N1, a Napoli. Episodio etichettato subito come ‘la prima vittima italiana del virus H1N1’, salvo poi ascoltare un medico sostenere che il paziente soffriva già di gravi patologie, per cui la morte non si può associare all’effetto del virus messicano. Ma lo stato del contagio italiano del virus non interessava chi ha già da tempo inoltrato l’ordine di ingenti scorte di vaccino per le quali Fazio ha annunciato l’imminente inizio delle somministrazioni.

Mentre in tv già si sprecano consigli su come lavarsi le mani per non ammalarsi, come se fino a qualche mese fa dell’igiene non fregasse nulla a nessuno, forse dovremmo informarci meglio sull’origine di questi allarmismi, che dalla Sars all’aviaria destano da sempre sospetti di manipolazione umana.

Per tentare di colmare questa lacuna informativa, ho tradotto un articolo di David Icke, studioso e saggista inglese, di cui già avevamo letto un interessante articolo sulla guerra in Palestina. Consiglio di non fermarsi a questa lettura, ma di usare le informazioni contenute come spunto per altre ricerche.

Non è il virus il pericolo maggiore, ma il vaccino

di David Icke

Viviamo tempi difficili ed è importante restare calmi e pensare, evitando di reagire in preda al panico. Il terrore, il panico e le reazioni emozionali ci hanno portati fino a questo punto e certamente ora non rappresentano la via d’uscita da questa situazione. Dobbiamo inoltre capire, qui e adesso, che siamo da tempo governati da una dittatura a tutti gli effetti fascista.  Per molti anni è rimasta nascosta, ma oggi finalmente è sul punto di svelarsi. Restare inerti e adeguarsi passivamente ad un stato di paura e apatia non è più una opzione di scelta. O, almeno, non dovrebbe, se abbiamo a cuore il futuro dei nostri figli e nipoti che rischiano di trascorrere la maggior parte delle loro vite sotto la minaccia di questo Male assoluto.

La parola ‘male’ è abusata e non la pronuncio con leggerezza. Ma stiamo avendo a che fare con il male, che è il contrario della ‘vita’. Tutto quello che si nasconde dietro la cospirazione che punta a selezionare e uccidere la popolazione mondiale e schedare il resto del genere umano nei computer è contro la vita. Gli autori di questo piano non la rispettano e non si preccupano di coloro i quali soffrono le conseguenze delle loro azioni, nè di quanto queste siano terrificanti. Sono stato avvisato di quello che ci aspetta nei prossimi 20 anni e non ci aspetta nulla, tutto qui. Non abbiamo più alibi. Siamo chiamati a risolvere il problema. Dobbiamo disegnare una linea sulla sabbia e dire basta.

Mai in passato c’è stata cosa più importante del complotto globale per indurre la popolazione mondiale a vaccinarsi contro l’influenza suina. Il virus dell’influenza A è stato creato in laboratorio per generare il panico tra la gente e indurla a farsi somministrare il vaccino. Problema – Reazione – Soluzione. Questo virus ‘naturale’ contiene apparentemente geni umani, di uccelli e di maiali provenienti da tutto il mondo.

Se si crea e si diffonde un virus per poi organizzare un programma a lungo termine di vaccinazioni di massa è possibile trarre una sola conclusione: l’influenza suina non è il più grande pericolo, ma il vaccino. L’estensione e la velocità di vaccinazione previsti da questo programma sono folli, dal momento che la grande maggioranza di coloro i quali finora hanno contratto il virus hanno accusato sintomi molto lievi. Il Dottor Peter Holden, appartenente alla British Medical Association controllata dalla famiglia Rothschild, ha detto che, nonostante l’influenza suina non sia particolarmente grave, sono pronti ad iniziare una campagna di vaccinazione di massa, a partire da ‘gruppi prioritari’. Cosa?? Questa non è  salute pubblica, non lo è mai stata.

Chi è incaricato di somministrare il vaccino non sa né cosa contiene né quali siano i suoi potenziali effetti. Semplicemente pensa e dice ciò che gli hanno detto di pensare e dire. Soltanto gli artefici di questo complotto globale e chi indaga su di loro conosce questo gioco.

La giornalista austriaca Jane Burgermeister ha presentato una denuncia per crimini all’FBI contro l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), le Nazioni Unite, Barack Obama, componenti delle famiglie Rockefeller e Rothschild, e altri, dopo aver scoperto che questi stavano ordendo un complotto ai danni dell’umanità con l’intento di decimarla attraverso la somministrazione del mortale vaccino contro l’influenza suina. La Burgermeister sostiene che i virus dell’aviaria e dell’influenza suina sono stati creati in laboratorio e diffusi con lo scopo di sterminare le masse attraverso le vaccinazioni. Il documento presentato all’FBI si intitola Prove di Bioterrorismo. La trattazione riguarda gli Stati Uniti, ma ciò che la giornalista scrive vale anche per il resto del mondo:

11“Esistono prove che un gruppo di criminali internazionali, che conta tra le sue fila anche membri del Governo federale e statale, è intenzionato a mettere in atto un genocidio di massa contro la popolazione degli Stati Uniti attraverso il virus pandemico dell’influenza e un programma di vaccinazioni obbligatorie mirati a decimare la popolazione americana e trasferire successivamente il controllo degli Stati Uniti alle Nazioni Unite insieme ai loro eserciti provenienti da paesi come Cina, Canada, Regno Unito e Messico. Ci sono le prove che molte organizzazioni, come l’OMS e le Nazioni Unite, così come le case farmaceutiche produttrici del vaccino, Baxter e Novartis, sono parte di un unico sistema controllato da una élite ristretta di uomini che esercita la leadership strategica e che è responsabile dello sviluppo, la manipolazione e la diffusione di virus artificiali allo scopo di giustificare le vaccinazioni di massa servendosi di un’arma biologica che annienti la popolazione USA e permettere così di ottenere il controllo di beni e risorse dell’America del Nord.

Il movente del crimine rispecchia i classici schemi della rapina con omicidio, nonostante la vastità e i metodi che caratterizzano queste azioni non trovino eguali nella storia. Il gruppo principale di uomini che costituisce la mente di questa cospirazione fissa i suoi obiettivi strategici e le priorità operative in segreto all’interno di organizzazioni di facciata come la Commissione Trilaterale oppure riunendosi annualmente nel Bilderberg”.

Jane Burgermeister è una delle poche giornaliste vere, tanto che è stata licenziata dal suo lavoro di corrispondente europea per il sito web ‘Renewable Energy World’, dopo aver presentato la denuncia all’FBI. Energie Rinnovabili? E’ la loro anima e il loro senso della decenza che dovrebbe essere rinnovato. Questo episodio, comunque, dimostra come ogni cosa sia controllata da loro.

La situazione che la giornalista austriaca descrive nella sua denuncia non è altro che un riassunto di ciò che io sto cercando di diffondere attraverso i miei libri e le mie conferenze da circa vent’anni. Un gruppo di famiglie intrecciate tra loro congiura contro l’umanità con l’obiettivo di imporre una dittatura fascista e porre i popoli sotto il loro controllo. Essi agiscono muovendosi all’interno di una rete di società segrete strutturate come una multinazionale. Le loro centrali operative si trovano in Europa, in città come Roma, Londra, Parigi, Bruxelles e Berlino. E’ come un ragno, e la sua ragnatela è il mondo intero.

Esistono anche network secondari di società segrete in ogni paese che fanno capo al ‘ragno’. Il loro lavoro consiste nel controllare le politiche, le banche, i mercati, gli eserciti, i media, la sanità, ecc., di ogni nazione, mettendo in pratica i punti dell’agenda globale dettata dal ‘ragno’. I componenti della cerchia ristretta al centro di questa organizzazione sono noti come gli ‘Illuminati’. Questo è il metodo attraverso il quale essi stabiliscono contatti nascosti dietro le facciate di governi, multinazionali e gruppi editoriali apparentemente distanti tra loro. Le dinastie Rothschild e Rockefeller (la stessa cortina di sangue) sono interamente coinvolte in questo sistema, come ho spiegato per lungo tempo, e controllano le case farmaceutiche e le politiche sanitarie di tutti i governi nazionali.

La rete controlla i governi, l’industria farmaceutica, o ‘Big Pharma’, l’OMS e le agenzie di ‘salvaguardia’ della salute pubblica come il Centro di Prevenzione e Controllo delle Malattie negli USA (CDC). In breve, l’élite di potere detiene il controllo dell’intero sistema sanitario mondiale.

E’ in funzione della congiura degli Illuminati che sono stati istituiti organi di controllo come l’OMS, la Banca Mondiale e l’OMC (o WTO) (Organizzazione Mondiale del Commercio), al fine di trasferire il potere dal popolo ad una cerchia limitata di gruppi di potere. Il loro obiettivo finale è avere un governo mondiale, una banca centrale, una moneta e un unico esercito.

Per imporre una dittatura globale è necessario centralizzare il potere, mentre la diversità dei popoli rappresenta il loro incubo peggiore. La setta degli Illuminati è la mente della cosiddetta ‘globalizzazione’ e della creazione di un superstato dittatoriale come l’Unione Europea.

Detto questo, non è stata una sorpresa per me leggere la lista dei nomi e delle organizzazioni denunciate da Jane Burgermeister:

7“Specificatamente, si presenta prova che gl’imputati Barack Obama, Presidente degli Stati Uniti, David Nabarro, Coordinatore delle Nazioni Unite per l’Influenza, Margaret Chan, Direttore Generale dell’OMS, Kathleen Sibelius, Ministro della Sanità USA, Janet Napolitano, Segretaria per la Sicurezza della Patria, David de Rothschild, banchiere, David Rockefeller, banchiere, George Soros, banchiere, e Alois Stoger, Ministro della Sanità austriaco, insieme ad altri, rappresentano parte di questo apparato criminale sovranazionale che, marciando unita come una falange armata decisa a portare a termine i suoi programmi di genocidio, ha sviluppato, prodotto, accumulato e usato armi biologiche allo scopo di eliminare la popolazione statunitense per ottenere vantaggi politici e finanziari”.

Burgermeister sostiene di essere in possesso di prove inequivocabili che le società farmaceutiche e le agenzie di governo internazionali sono attivamente coinvolte nella produzione e diffusione di agenti biologici classificati come le armi biologiche più letali al mondo.

La giornalista afferma che il virus dell’influenza suina è stato creato e diffuso con l’aiuto dell’OMS, controllato dalle famiglie Rothschild e Rockefeller, lo stesso organismo che poi si affrettò ad annunciare che la propagazione del virus stava diventando talmente capillare da dover dichiarare lo stato di pandemia.

I sintomi dell’influenza suina allo stato attuale sono molto simili a quelli di una normale influenza di stagione. Chi ha interesse a diffondere il panico tra la gente ha quindi gioco facile nell’imputare al virus A/H1N1 il maggior numero di decessi per rendere più drammatiche la cifre del contagio. Il governo inglese ha annunciato che la popolazione, quando avverte i sintomi dell’influenza, non dovrebbe perder tempo con il medico generico che gli farebbe una semplice diagnosi telefonica senza conferme di laboratorio. Immaginate allora come dovrebbe avvenire il consulto con il medico di fiducia:

“Ciao, dottore sento molto freddo. Che cos’ho?”

“Credo sia l’influenza porcina. Arrivo”.

Jane Burgermeister ha denunciato colossi dell’industria farmaceutica come Novartis International AG, che ha sede in Svizzera (Basilea), Baxter AG, in Austria, e la sua succursale di Illinois, Baxter International, per atti di bioterrorismo. Indovinate quali sono le ditte che stanno fornendo la maggior parte delle scorte di vaccino contro l’influenza suina…Baxter International e Novartis.

E’ la stessa Baxter International ad aver spedito ‘per sbaglio’ presso alcuni laboratori europei il virus dell’influenza aviaria che poi fu incrociato con la normale influenza stagionale per creare un ceppo molto più pericoloso. L’anno scorso almeno 81 persone sono morte a causa dell’eparina, un farmaco anticoagulante prodotto dalla Baxter International, sintetizzato in Cina, tra le altre cose, a partire dalle interiora dei maiali. Non è meravigliosa l’industria del farmaco? L’eparina contaminata ha inoltre provocato seri danni alla salute di altre centinaia di persone ed è stato scoperto che il fornitore cinese della Baxter non ha mai subito alcun controllo igienico da alcun ente autorizzato nè americano nè cinese.

Più di 50 pazienti in dialisi sono morti a causa della Baxter International, e questo mese la Baxter Healthcare Corporation, filiale della Baxter International, ha siglato un accordo privato con lo Stato del Kentucky per 2 milioni di dollari. Questo accordo ha provocato un aumento dei prezzi dei farmaci endovenosi nel Kentucky del 1300%.

Nonostante ciò, è la Baxter la società più affidabile e per questo oggi è il più grande fornitore mondiale di vaccini contro l’influenza suina che i governi vogliono somministrare all’intera popolazione mondiale senza i requisiti minimi di sicurezza. Il vaccino ha superato a tempo di record tutte le normali procedure di sicurezza ottenendo l’approvazione in meno di una settimana. Il Times di Londra riporta: ‘ I responsabili della European Medicines Agency hanno dichiarato che la procedura rapida di approvazione è consistita nella esecuzione di test su vaccini ‘modello’ che sono erano stati già utilizzati per il più grande programma di vaccinazioni mai eseguito. Il vaccino sarà somministrato a tutta la popolazione mentre ancora i test saranno in pieno svolgimento’.

Chapeau!

Non c’è alcun bisogno di testare il vaccino. Loro già sanno cosa contiene e quali sono i suoi effetti. In un documento firmato dal ministro della Sanità dell’amministrazione Obama Kathleen Sebelius, viene concessa alle case farmaceutiche produttrici del vaccino l’immunità giudiziaria in caso di morte o danni alla salute provocati dal vaccino. E questo è un vantaggio che non avevano mai avuto.

6La Baxter International ha assicurato che il vaccino sarà spedito in tutto il mondo entro la fine di luglio e i profitti saranno enormi. Ma non è il profitto l’obiettivo principale, bensì l’attuazione di un piano secolare di sterminio dell’intera popolazione mondiale.

Ci è stato detto che le case farmaceutiche e l’OMS stanno lavorando sodo per sviluppare un vaccino per la nuova influenza suina, meglio nota come H1N1, ma…un attimo….la Baxter International aveva già ottenuto la licenza per la produzione del vaccino H1N1 il 28 agosto 2008. Il documento intitolato ‘Baxter Vaccine Patent Application US 2009/0060950 A1’ recita infatti:

‘…In particolare, nella composizione del vaccino è possibile rintracciare più di un anticorpo…come l’influenza A e B, selezionati tra uno o più virus umani come l’ H1N1, H2N2, H3N2, H5N1, H7N7, H1N2, H9N2, H7N2, H7N3, sottogruppi del virus H10N7 , o dell’influenza suina H1N1, H1N2, H3N1 e sottogruppi di H3N2, dell’influenza dei cani o dei cavalli, H7N7, sottogruppi del virus H3N8 o dell’aviaria H5N1, H7N2, H1N7, H7N3, H13N6, H5N9, H11N6, H3N8, H9N2, H5N2, H4N8, H10N7, H2N2, H8N4, H14N5, H6N5, sottogruppi del virus H12N5 .’

La licenza è stata resa pubblica nel marzo 2009, un mese prima della diffusione del virus dell’influenza suina in Messico avvenuta in aprile, ma era stata conseguita ben 7 mesi prima che il ‘nuovo ceppo’ divenisse ufficialmente noto. E’ la truffa più spudorata che ci sia.

Tra le altre cose, nella licenza si specificano inoltre i seguenti componenti del vaccino e avvisi di tossicità:

‘Possono essere utilizzati coadiuvanti opportuni ricavandoli da gel minerali, idrossido di alluminio, sostanze attive di superficie, lisolecitina, pluronic polyols (polimero industriale), polianioni o emulsione di olii come acqua in olio o olio in acqua, o una miscela specifica. Naturalmente, la selezione dei coadiuvanti dipende essenzialmente dall’uso che si intende fare del vaccino. Ad esempio, eventuali tossicità possono dipendere dall’organismo del paziente e possono variare da valori nulli di tossicità fino a valori alti’.

Interessante.

Un’altra multinazionale del farmaco coinvolta è la Novartis, in Svizzera. L’AD Daniel Vasella, è regolarmente presente nei meeting del Gruppo Bilderberg, di cui ho diffusamente parlato nei miei libri. Il Gruppo Bilderberg, citato nella denuncia di Jane Burgermeister, è una creazione della famiglia Rothschild ed è stato governato per anni da uomini come David Rockefeller e Henry Kissinger. Questo organismo risponde ad una società segreta britannica chiamata Round Table. Inizialmente questa società era guidata da Cecil Rhodes, che saccheggiò l’Africa del Sud per conto dei Rothschild. Vasella ha preso parte all’ultimo incontro del Bilderberg avvenuto lo scorso maggio, proprio mentre veniva artatamente creato il panico per la diffusione dell’influenza suina e, guarda caso, la sua società presentava il vaccino.

Non sto dicendo che la gente morirà in massa subito dopo aver preso il vaccino. Questo è possibile, ma il rischio è che potrebbe scoraggiare gli altri ad assumere il vaccino. In alcuni gli effetti potrebbero essere immediati, per la maggior parte dei pazienti invece potrebbero palesarsi nel medio o lungo termine, per mascherare la vera origine dei loro problemi. Ciò che dobbiamo sapere è che stiamo assistendo alla messa in atto di un programma di vaccinazione di massa ideato da persone che della nostra salute se ne fregano. Questo chiarisce ogni dubbio circa le vere ragioni di queste azioni. Ma solo chi manovra nell’ombra è a conoscenza dell’obiettivo che si cerca di raggiungere.

E’ evidente che si tratta di colpire il sistema immunitario umano. Una volta indebolito questoo, infatti, è finita, come abbiamo già osservato nel caso di quel distruttore di sistemi immunitari chiamato AIDS. La gente non muore di AIDS, ma muore di malattie che normalmente il nostro sistema immunitario debellerebbe.

In un eccellente lavoro, il ricercatore americano e autore Patrick Jordan, ha descritto il piano di sterminio di massa attraverso la creazione di virus e vaccini attualmente in corso. Jordan sostiene che sono stati messi a punto dei vaccini che demoliscono il sistema immunitario e che le truppe militari USA sono state usate come cavie.

Patrick Jordan ha scoperto che gli Illuminati hanno sviluppato un sistema composto da una serie di tre vaccini. La prima vaccinazione annienta i globuli bianchi (il sistema immunitario), la seconda inietta il virus, e la terza riattiva le difese immunitarie. Nel medio periodo il virus si espande nel corpo, ma il paziente non si sente male perchè il sistema immunitario non lo combatte. Quando invece il sistema immunitario viene riattivato con la terza vaccinazione, scatena un violento attacco al virus che uccide l’intero organismo.

Questo fenomeno è noto come la ‘tempesta delle citochine’, che avviene quando il sistema immunitario manda troppi anticorpi nello stesso momento uccidendo l’organismo. Inoltre, è da segnalare che l’OMS ha preteso che il vaccino contenga il virus vivo dell’influenza suina ed è quindi abbastanza possibile che così la forza del virus supererà l’efficacia del vaccino. Sul sito web dell’OMS si legge:

‘In vista della disponibilità limitata del vaccino a livello globale e la potenziale necessità di proteggersi contro nuovi ceppi del virus, SAGE (programma di ricerca in seno all’OMS) suggeriva che la promozione della produzione e dell’utilizzo dei vaccini con coadiuvanti e con virus attenuati dell’influenza è stata importante’.

Le prove a supporto della denuncia di Jane Burgermeister si sono avvalse del contributo di Wayne Madsen, ex ufficiale dei servizi segreti della Marina statunitense. Madsen rivela che un importante scienziato delle Nazioni Unite ha concluso che il virus dell’influenza H1N1 viaggia sicuramente su un ‘vettore’ di trasmissione, a riprova del fatto che il nuovo ceppo dell’influenza suina è stato geneticamente manipolato per ottenere un arma biologica militare. L’esperto della Nazioni Unite ritiene che i virus Ebola, HIV/AIDS e l’attuale A-H1N1 siano agenti biologici realizzati a scopo militare. Madsen scrive:

‘La recente esplosione dell’influenza suina ha visto il passaggio del virus dal maiale all’uomo, e poi da uomo a uomo. Tuttavia, il virus A-H1N1 non ha colpito nessun maiale. Infatti, secondo il Centro per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CDC), il virus A-H1N1 possiede segmenti genetici dell’influenza suina, aviaria e umana dell’America del Nord e della suina euroasiatica’.

Wayne Madsen sostiene inoltre che le sue ricerche confermano che il CDC e l’esercito americano hanno ritrovato il corpo di una donna Inuit che morì nel 1918 a Brevig Mission, in Alaska, a seguito della epidemia Spagnola che uccise 100 milioni di persone in 18 mesi. Madsen racconta che il materiale genetico recuperato da quel corpo ha fornito le basi per lo sviluppo del virus H5N1 dell’influenza aviaria all’interno del laboratorio militare americano di Fort Detrick, in Maryland. Da questo stesso laboratorio partirono gli attacchi all’antrace contro il Congresso USA e i media americani subito dopo l’11 settembre 2001.

5La conoscenza di queste informazioni potrebbe rappresentare per noi una via d’uscita dalla Zona d’Ombra nella quale ci troviamo, ma ciò che dobbiamo capire è che questi Illuminati sono completamente pazzi. Questa gente non ragiona come noi, quindi è bene cercare di non commettere l’errore di pensare a ciò che faranno loro, ma a ciò che faremo noi.

Il piano degli Illuminati prevede la decimazione della popolazione mondiale e l’inserimento di un microchip nel corpo di ogni uomo, donna e ragazzo rimasti in vita. I microchip ci renderebbero tutti rintracciabili 24 ore su 24. E non solo.

Esistono tecnologie informatiche che consentono di utilizzare i chip per manipolare le menti, le emozioni e i corpi. Questo potrebbe essere fatto su più uomini contemporaneamente o individualmente attraverso un unico chip in grado di trasmettere e ricevere segnali. Uccidere qualcuno a distanza potrebbe diventare una operazione automatica.

Parlo di questo perchè, come i lettori dei miei libri già sapranno, uno scienziato della CIA nel 1997 mi rivelò che i microchip sviluppati nei progetti di ricerca segreti condotti parallelamente dal governo e dall’esercito erano già abbastanza piccoli da essere iniettati nell’epidermide nel corso dei programmi di vaccinazione. Grazie alle nanotecnologie, nessuno potrà mai accorgersene.

Il falso allarme della influenza suina del 1976 non era altro che una prova generale di ciò a cui stiamo assistendo oggi. Questi eventi vengono pianificati con sufficiente anticipo e questa persone malate sono estremamente meticolose nei preparativi. Il panico iniziò a diffondersi dopo la morte di una recluta militare di Fort Dix, in New Jersey, che il governo dichiarò presto dovuta al virus dell’influenza suina. Quel soldato fu l’unica vittima del virus nel 1976, ma il governo non esitò ad organizzare un piano di vaccinazione di massa per tutti gli americani contando inoltre su una scandalosa campagna pubblicaria di propaganda basata, come sempre, sul terrore della gente. Vedi qui un esempio. Il risultato fu che almeno 25 persone morirono a causa del vaccino e centinaia riscontrarono gravi danni alla salute mentre la recluta di Fort Dix restò l’unica vera vittima del virus, anche se il governo diceva la verità circa la diagnosi iniziale. Stiamo oggi assistendo agli stessi eventi, ma su una scala più ampia.

I governi della Gran Bretagna e degli Stati Uniti hanno ordinato quantità di vaccini sufficienti per l’intera popolazione e altri paesi stanno facendo lo stesso. E’ chiaro che stanno semplicemente mettendo in pratica ciò che ‘il ragno’ ha chiesto loro. La loro intenzione è quella di rendere obbligatoria la vaccinazione e minacciare con la perdita dei loro figli quei genitori che rifiuteranno la logica di questo fascismo. Ma prima di arrivare a quel punto, le pressioni psicologiche esercitate sui genitori diventano sempre più insistenti.

Il Centro per il Controllo delle Malattie (CDC), controllato dai Rockefeller, ha annunciato negli USA che i bambini non ancora colpiti dall’influenza devono essere vaccinati quattro volte nel prossimo autunno, due per la classica influenza di stagione e due per l’influenza suina. Recuperiamo il tempo perso, eh? Gli altri bambini saranno vaccinati solo tre volte, così come previsto nelle ricerche di Patrick Jordan.

Il fantoccio del gruppo Rothschild-Rockefeller, Barack Obama, ha dichiarato che la sua riforma della Sanità diventerà legge entro agosto, proprio quando il programma di vaccinazione di massa avrà inizio. La legge è stata approvata in settimana dalla Commissione del Senato per la Sanità, l’Educazione, il Lavoro e le Pensioni, ed include anche le procedure da mettere in pratica nel caso in cui i genitori si rifiutano vaccinare i loro figli. La legge autorizza in questo modo l’orwelliano ‘programma dimostrativo per l’aumento della copertura immunologica’. Il testo recita:

‘Con questo programma, il CDC erogherà fondi agli stati per incrementare la copertura immunologica dei bambini, adolescenti e adulti attraverso l’utilizzo di interventi basati su prove evidenti. Gli stati possono disporre dei fondi per attuare gli interventi raccomandati dalla task force della Community Preventive Services, come solleciti e telefonate al pazienti o capo famiglia, oppure con visite a domicilio’.

‘Interventi’? ‘Visite a domicilio’? Questo è soltanto il primo passo verso la vaccinazione forzata dei vostri bambini e l’arresto nel caso in cui vi rifiutaste di obbedire. Le ‘raccomandazioni’ dell’OMS sono state concordate con i circa 200 stati membri nel caso in cui venisse dichiarata una emergenza pandemica in virtù del International Health Regulations Act del 2005 e del piano per la pandemia dell’OMS stilato nello scorso aprile.

Margaret Chan, Direttore Generale dell’OMS, dichiarò la pandemia da influenza suina quando di pandemia ancora non si trattava, in modo da esercitare i poteri speciali previsti in caso di emergenza e avviare le vaccinazioni forzate di massa. E praticamente l’ha già fatto. L’organo consultivo dell’OMS sulle regole per la vaccinazione comprende dirigenti di…Baxter, Novartis, GSK e Sanofi Pasteur.

Nella scorsa settimana Margaret ‘Abbiate Paura’ Chan ha avvertito che la diffusione di una forma di tubercolosi resistente al trattamento farmacologico potrebbe essere imminente con potenziali ‘conseguenze catastrofiche’. Parla a vanvera….

‘La situazione è già preoccupante e potrebbe aggravarsi molto velocemente uscendo presto fuori controllo. Avvisate più persone che potete: potrebbe essere una bomba ad orologeria o un semplice barile di sabbia. Cercate di difendervi in qualsiasi modo, questa è una situazione potenzialmente esplosiva’.

Ehi, donna, stai calma. Quando ‘esploderà’ questa tubercolosi? Non appena la notizia sarà circolata abbastanza, immagino.

Ciò che sta accadendo oggi è stato pianificato da molto tempo. Le persone che stanno mettendo in pratica tutto questo sono a lavoro da mesi in operazioni altamente segrete all’interno di un edificio chiamato Westridge, proprio in fondo alla strada rispetto alla mia posizione, qui nell’Isola di Wight. Questi uomini sono talmente sospettosi che ogni gruppo esegue una sola parte del lavoro per poi essere sostituito da uno totalmente nuovo per la parte successiva, e così via. Nessun gruppo di lavoro deve vedere il piano nella sua interezza e proprio in questo momento alcune persone all’interno di anonimi furgoni bianchi si danno il cambio.

Ho dato un’occhiata attraverso la finestra vicino al camino dopo l’uscita di ogni gruppo, ed è chiaro che si tratta di un centro di emergenza di qualche tipo. A questi uomini è stato detto di terminare il lavoro entro la metà di luglio e, a quanto pare, sta accadendo qualcosa si simile in tutti i paesi.

Se ascolti attentamente, gli uomini in nero ti dicono cosa sta accadendo. Come ho detto in un recente bollettino informativo,  ho intercettato il mantra del pericolo incombente dell’influenza suina per il prossimo autunno proveniente da differenti agenzie e stati. Il loro obiettivo è ora quello di seminare panico per costringere la popolazione a vaccinarsi.

In questo momento ho notizia che il virus potrebbe divenire più letale nello stesso periodo rendendo plausibile l’ipotesi che stanno cercando di aumentare il numero delle vittime per generare maggiore panico e stimolare così la domanda di vaccini.

Non dobbiamo mai dimenticare, tuttavia, che la ‘normale influenza’ di stagione provoca ogni anno la morte di centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo. C’è da aspettarsi che gran parte di questi decessi saranno nei prossimi mesi associati all’influenza suina, che lo siano davvero oppure no.

Da sempre si cerca di arrivare a questo punto ed è importante che la gente senta il bisogno di unirsi e organizzare manifestazioni di disobbedienza civile. Queste menti disturbate vogliono avere accesso ai nostri corpi e a quelli dei nostri figli per ragioni che non hanno nulla a che fare con la nostra salute.

Molte persone si schiereranno dalla parte dei loro bambini, come piccole pecore addomesticate. Essi prenderanno per buone le scandalose bugie che ascolteranno senza porre alcuna domanda e le autorità useranno indicherà questa gente come esempio da seguire per chi rifiuterà il vaccino. Ascolterete sciocchezze come ‘Stai mettendo a rischio la salute dei nostri figli’. Infatti, sono proprio le persone che sostengono i programmi di vaccinazione collettiva che stanno mettendo a rischio la salute di tutti i bambini. Le autorità dichiareranno che chiunque si rifiutasse di assumere il vaccino impedirà di fatto l”immunizzazione generale’, quando in realtà si tratta semplicemente di allontanarsi dalla credulità generale.

Per tutti coloro che la pensano allo stesso modo riguardo a questo criminale piano di vaccinazione è arrivato il momento unire le forze e preparare una strategia di disobbedienza pacifica. C’è molta più forza nel gruppo che nel singolo.

Non dobbiamo soccombere alle vaccinazioni obbligatorie, nè a pressioni da parte di chi vuole dominare le nostre menti. Se lasciamo che le vaccinazioni forzate limitino la libertà nostra e dei nostri figli, cosa diavolo significa allora la parola ‘libertà’?

Posted in Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | 7 Comments »