Spazio Libero

La verità è sempre la correzione di un errore, e quindi l'errore fa parte della verità. (Giuseppe Prezzolini, 1980)

Vuoti a rendere

Posted by Marco su 3 febbraio, 2009

https://i2.wp.com/www.mymovies.it/filmclub/2008/04/033/locandina.jpg

Certi film sono la chiara dimostrazione che basta davvero poco per realizzare commedie eleganti e divertenti. E’ il caso di questa coproduzione inglese e ceca, che racconta la storia di Joseph, un anziano insegnante di Lettere che decide di abbandonare il suo lavoro perchè ‘non si sente più felice’. Così, a 60 anni, inizia a cercare un nuovo impiego e nuovi stimoli che lo portano a lavorare, dapprima come corriere espresso, poi allo smistamento delle bottiglie vuote in un supermercato. Il contatto con la gente lo aiuta a riscoprire alcuni piaceri della vita, tra cui ammirare le belle ragazze e fantasticare sui loro segreti e i loro desideri. Questo suo nuovo slancio emozionale indispettisce la moglie che, se prima si mostrava infastidita dalla continua presenza in casa del marito dopo l’abbandono della scuola, ora esprime la sua angoscia nel veder svanire in Joseph ogni interesse nei suoi confronti. Ma questa presa di coscienza, tra laconiche e esilaranti battute, induce Joseph a riconquistare la moglie senza rinunciare alla sua operosità fisica e onirica. Zdenek Sverak, attore protagonista e sceneggiatore, nonchè padre del regista, firma una storia leggera e irriverente, intrisa di humor e delicatezza, in grado di districarsi abilmente tra svariate allusioni sessuali evitando sempre di apparire volgare. La linearità della trama, che rompe i classici schemi che attendono necessariamente una risoluzione degli eventi, accompagna lo spettatore verso un rilassante finale che vede Joseph e la moglie volare su una mongolfiera allo sbando in una suggestiva panoramica delle campagne praghesi. Voto: 7 1/2.

PS: Per chi si trovasse a Milano, sconsiglio fortemente il cinema Centrale di via Torino: i posti non sono numerati, per cui il rischio è ritrovarsi in prima fila ad un metro di distanza da uno schermo piccolo e inadeguato. Inoltre, la sala si sviluppa in lunghezza (chi era seduto dietro non so cosa abbia visto date le dimensioni dello schermo) e le file sono strette. A saperlo prima, la soluzione dvd o programmi P2P sarebbe stata di gran lunga la migliore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: