Spazio Libero

La verità è sempre la correzione di un errore, e quindi l'errore fa parte della verità. (Giuseppe Prezzolini, 1980)

Le menti migliori

Posted by Marco su 3 dicembre, 2008

https://i1.wp.com/graphics8.nytimes.com/images/2008/11/07/us/politics/geithner190.jpghttps://i2.wp.com/www.sacramento.wliinc3.com/Perspectives/SummersLawrence_w.jpg

Barack Obama, l’uomo della speranza, delle rivincite razziali, del risorgimento economico, degli aiuti ai ceti bassi e il catalizzatore della nuova ondata di ottimismo all’origine dei sogni erotici di Riotta e Vespa, ha presentato la nuova squadra di governo che avrebbe l’arduo compito di traghettare gli States, e quindi il mondo intero, fuori dalla crisi economica. Tra gli uomini e le donne del team spiccano due personaggi in particolare, indicati da Obama come ‘le menti migliori’ da sfruttare contro la recessione economica: Timothy Geithner (a sinistra nella foto) e Larry Summers (a destra nella foto). Il primo sarà il prossimo segretario del Tesoro, il secondo Direttore del Consiglio Economico Nazionale. In Italia questi nomi non dicono nulla. Noi siamo alle prese con i ‘pizzini’ di La Torre e i capricci di Villari, due uomini importanti meno di un giocattolo rotto nella spazzatura al cospetto dei due di cui sopra. Il primo è presidente della Federal Reserve Bank, la Banca Centrale USA. La FED è il gruppo finanziario più potente al mondo. Non è federale, cioè della federazione degli stati, come ingannevolmente il suo nome suggerisce, ma è privata. I suoi azionisti sono banchieri internazionali appartenenti all’asse Londra-Washington. I profitti della FED partono dalle tasche dei contribuenti americani per finire in quelle delle grandi famiglie dei Rothschild, Rockefeller, J.P. Morgan, Goldman e Sachs. La Federal Reserve stampa i bigliettoni verdi detti ‘dollari’ e li presta allo Stato compiacente gravandoli di interesse a carico dei cittadini. Si appropria illegalmente del valore della moneta incassando il signoraggio sulla emissione e sfruttando un meccanismo consolidato da secoli e difeso anche col sangue di John Fitzgerald Kennedy. L’attività di emissione della moneta, la sua distribuzione e la raccolta degli interessi sul debito sono al centro di spirali di potere su sfera mondiale e rappresentano il cuore del business delle banche centrali di tutto il mondo e la maggiore fonte di profitto dei loro azionisti. Larry Summers è stato già segretario del Tesoro nell’amministrazione Clinton. E’ un protetto di Rockefeller, capostipite della storica dinastia che oggi è uno dei più importanti epicentri del potere occulto globale. Summers è stato rettore dell’università di Harvard e chief economist della Banca Mondiale. Geithner, invece, è stato direttore del Dipartimento Revisione e Sviluppo del Fondo Monetario Internazionale. La Banca Mondiale e il FMI sono due enti burocratici nati sul finire della Seconda Guerra Mondiale a Bretton Woods, nel New Hampshire. Questi due enti, a cui nel 1995 si aggiunse l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), sono i promotori della liberalizzazione dei mercati, della globalizzazione del commercio e della imposizione di politiche economiche, detti ‘programmi di aggiustamento strutturale’, che hanno causato, a partire dagli anni Ottanta, debito, povertà, carestie e guerre in molte parti del mondo. Accompagnati dalle teorie economiche di questi ‘luminari’ partoriti dalle più prestigiose università americane e inglesi, i tentacoli delle istituzioni di Bretton Woods si estendono ovunque. Si tratta di organizzazioni internazionali filo-massoniche che instillano nelle società e nei governi la cultura del debito e della fiducia nel mercato globale. Gli uomini che dettano le regole monetarie e commerciali sono cinici e spietati. Non rispettano alcuna legge etica ed agiscono esclusivamente in nome della carriera e del profitto. Larry Summers, ad esempio, nel 1991 fece parlare di sè per un memorandum in cui espose la sua agghiacciante teoria relativa allo smaltimento di rifiuti tossici. Il neo consigliere economico di Obama sosteneva (e nulla fa pensare che oggi la pensi diversamente) che i paesi sottosviluppati siano anche sottoinquinati. Secondo Summers, i rifiuti tossici provenienti dai paesi industrializzati del Nord del mondo è giusto che siano scaricati nei paesi poveri e a bassa densità di popolazione come l’Africa, per il semplice motivo che “la richiesta di un ambiente pulito per motivi estetici e di salute è direttamente proporzionale al reddito di una nazione”. In breve, l’idea di quest’uomo, di cui nessuno purtroppo si prende la briga di spulciare il passato, è quella di avvelenare le terre della gente povera perchè tanto, prima o poi, moriranno e non avranno più bisogno di aria pulita. L’aberrante idea di Summers fu per fortuna resa pubblica e condannata apertamente dall’allora ministro dell’Ambiente del Brasile José Lutzenburger, che non a caso fu allontanato subito dopo. L’ex dirigente della Banca Mondiale si distinse anche per aver affermato che le donne sono ‘biologicamente inferiori all’uomo’. Dichiarazione che lo costrinse a lasciare il rettorato di Harvard nel mezzo di furiose polemiche. Larry Summers fa parte di quella schiera di affaristi senza scrupoli che tendono a fare di tutto il mondo un unico grande Paese, in cui le merci sono scambiate su mercati globalizzati penalizzando le economie nazionali. I giornalisti non indagano, le tv non gli dedicano programmi, l’opinione pubblica è completamente all’oscuro della loro identità ed estrazione. Banca Mondiale, FMI, WTO e le banche centrali sono centri di potere assimilabili ai partiti, ma completamente antidemocratici. Non sono legittimati dalla gente, che però si trova costretta a subire le loro scelte in materia di economia, che è alla base di ogni mutamento sociale e infrastrutturale. Essi sono paraventi dietro i quali si nascondono dei fantasmi, uomini senza volto e senza nome, le ‘menti’ che governano il mondo. Quelle menti di cui oggi il presidente del presunto cambiamento Barack Obama si sta circondando, cedendo ad un ricatto non difficile da immaginare se pensiamo che i maggiori finanziatori della sua campagna elettorale sono state le banche. Il futuro non sarà migliore. Perchè cambia la faccia, ma non il cervello. No, he can’t.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: