Spazio Libero

La verità è sempre la correzione di un errore, e quindi l'errore fa parte della verità. (Giuseppe Prezzolini, 1980)

Notizie usa e getta

Posted by Marco su 29 settembre, 2008

Durante la campagna elettorale e subito dopo le elezioni, la notizia dell’emergenza rifiuti in Campania era la più gettonata dai tg e dalla stampa nazionale. Non si parlava d’altro. Si sapeva tutto della discarica di Chiaiano, dei cumuli di sacchetti della spazzatura che arrivavano a lambire le finestre dei secondi piani, delle proteste dei cittadini che ribaltavano i cassonetti nelle strade impedendo il passaggio financo ai mezzi di soccorso, dei roghi appiccati nelle strade e dei termovalorizzatori da costruire. Per mesi abbiamo assistito al continuo rimbalzare delle responsabilità del disastro ambientale campano tra la coppia Bassolino-Jervolino e la camorra, tra i governi di centrosinistra e quelli di centrodestra. C’era chi parlava di una generale responsabilità della politica e chi parlava di inciviltà dei cittadini campani. Chi elogiava la raccolta differenziata e chi auspicava la costruzione degli inceneritori. Insomma, come fino alla settimana scorsa lo è stato la crisi Alitalia, per mesi, a cavallo delle elezioni dello scorso aprile, l’argomento ‘emergenza rifiuti in Campania’ è stato funzionale agli interessi della propaganda politica, in particolare del centrodestra, che si è ripetutamente servito della disperazione della gente di Napoli per attaccare il Governo uscente proponendosi come salvatore della Patria. La pantomima è durata fino a qualche settimana dopo le elezioni, giusto il tempo per Berlusconi di mandare l’esercito nelle strade di Napoli, minacciare il carcere a chiunque protestasse, liberare le strade del centro dai rifiuti e sfilare festante tra la folla con Nicola Cosentino, sottosegretario all’Economia e deputato Pdl, indagato, insieme al coordinatore regionale Pdl Luigi Cesaro, dalla Procura di Napoli sulla base delle accuse dell’imprenditore Gaetano Vassallo che lo indica come sponda della camorra nell’affare sporco dei rifiuti tossici. Raggiunto quindi l’obiettivo elettorale, la spazzatura di Napoli è stata letteralmente ‘cestinata’ da tutte le redazioni giornalistiche, mentre i leccapiedi, quali Gasparri e Cicchitto, tra i ‘successi’ del Governo, elencano anche la soluzione dell’emergenza rifiuti. Niente di più falso. A Chiaiano, infatti, si continua protestare. La folla si scaglia contro le forze dell’ordine e manifesta con cartelloni di protesta contro Bertolaso e Berlusconi. Le strade del centro probabilmente oggi sono più pulite, ma le vie periferiche sono rimaste una discarica a cielo aperto. Queste foto e questo video ne sono una testimonianza incontrovertibile. Ma la stampa tace. E l’opposizione fa eco a questo silenzio. Berlusconi ha ripulito Napoli. Punto e basta. Festeggiamo e parliamo d’altro.

Annunci

3 Risposte to “Notizie usa e getta”

  1. questo blog ti fa onore.

    hai vinto una confezione omaggio di STIGMATE.
    passa da me a ritirarle

  2. la strategia della ‘monnezza potrebbe aprire una nuova stagione di cambiamento nel quale cambiare tutto per non cambiare nulla….
    complimenti
    Fabio

  3. Marco said

    Grazie Fabio.
    Vedo in questi giorni Maroni riempirsi la bocca parlando dei soldati mandati a CastelVolturno e dell’inasprimento delle pene per i camorristi. Come se il problema fosse quello di impedire alle mitragliette di sparare e ai camorristi di godere degli arresti domiciliari. Si lascia credere che per abbattere l’albero basta potarlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: