Spazio Libero

La verità è sempre la correzione di un errore, e quindi l'errore fa parte della verità. (Giuseppe Prezzolini, 1980)

Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo

Posted by Marco su 6 giugno, 2008

L’ultimo episodio della saga di Indiana Jones si inserisce nel filone dei sequel delle grandi saghe del cinema che da qualche anno sembrano essere il pallino dei cineasti. Dopo aver assistito alla decomposizione del mito di Rocky ed alla forzata rinascita di Rambo e Terminator, arriva al cinema anche il quarto episodio di Indiana Jones, firmato ancora dalla celeberrima coppia hollywoodiana Lucas-Spielberg. Questa volta, il professor Jones, interpretato da un Harrison Ford in grande forma, si trova alle prese con agenti russi, capeggiati da Cate Blanchett nelle vesti di un algido generale avido di potere, che gli impediscono di raggiungere un teschio di cristallo che si pensa possegga poteri paranormali. Tra sabbie mobili, salti tra moto e auto in corsa, cascate vertiginose e serpenti, Indiana Jones riesce a mettere le mani sul teschio prima dei russi. Ma quel teschio appartiene ad un alieno e, non appena Jones e la sua comitiva di avventurieri abbandonano la grotta sotterranea che lo custodisce, ecco librarsi in aria un gigantesco disco volante che si allontana lasciandosi dietro un apocalittico vortice di acqua e terra. A differenza degli ultimi sequel famosi, la quarta avventura di Indiana Jones conserva ancora gran parte del fascino che le avventure dello spericolato professore di archeologia possedevano in passato. Le battute non sono mai demenziali e divertono come prima. Il ritmo e la suggestione degli ambienti non mancano, mentre gli attori, in particolare Ford e John Hurt, conferiscono una sufficiente credibilità ai personaggi. Credibilità che però drammaticamente latita in alcune scene. Come quella in cui il protagonista si salva da una esplosione nucleare riparandosi in un frigorifero che viene sbalzato a chilometri di distanza lasciando illeso Indiana Jones o quella in cui tre enormi cascate in sequenza non bastano a capovolgere una piccola barca che trasporta Jones e il suoi compagni di viaggio. Pur mantenendo numerose riserve sulla scelta di coinvolgere alieni e dischi spaziali evitando di citare le teorie che legano questi all’archeologia, il film risulta gradevole e non delude le attese. Voto: 7.

2 Risposte to “Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo”

  1. Purtoppo ho visto il film.
    Niente di eccezionale. Sarebbe stato meglio passare 2 ore a leggere un libro al parco.
    Americanata: 4,5.

  2. Marco said

    Sono d’accordo. Niente di eccezionale. Credo però che i fans di Indiana Jones (io non sono tra questi) non sia rimasto deluso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: